Scritti di pubblica economia

Voorkant
L. Niccolai, 1847
 

Wat mensen zeggen - Een review schrijven

We hebben geen reviews gevonden op de gebruikelijke plaatsen.

Inhoudsopgave


Overige edities - Alles weergeven

Veelvoorkomende woorden en zinsdelen

Populaire passages

Pagina 174 - ... se in uno stato suscettibile di aumento di popolazione e di produzione di generi del suo territorio, sia più vantaggioso e sicuro mezzo per ottenere i...
Pagina 111 - Dei premi d'incoraggimento che si retribuiscono alla mercatura. Dei privilegi esclusivi che si accordano alle manifatture e della libertà che si concede al commercio dei grani.
Pagina 174 - Se in uno Stato suscettibile di aumento di popolazione e di produzione di generi del suo territorio sia più vantaggioso e sicuro mezzo per ottenere i sopraddetti fini, il dirigere la legislazione a favorire le manifatture con qualche vincolo sopra il commercio dei generi greggi , ovvero il rilasciare detti generi nell' intera e perfetta libertà di commercio naturale?
Pagina 282 - Par toutes les recherches que j'ai pu faire, depuis plusieurs années que je m'y applique, j'ai fort bien remarqué que dans ces derniers temps, près de la dixième partie du peuple est réduite à la mendicité, et mendie effectivement ; que des neuf autres parties, il y en a cinq qui ne sont pas en état...
Pagina 50 - Fu allora conosciuto che il valore intrinseco era sempre mutabile secondo i gradi di probabilità che si aveano, a dovere o non dover godere di qualche cosa; e si conobbe che cento ducati lontani dalla mano d'alcuno, quando hanno cento gradi di probabilità a non perdersi e dieci a perdersi, diventano novanta ducati presenti, e per novanta s'hanno a valutare in qualunque contratto o di giucco o di baratto.
Pagina 171 - libertà sociale » compare, tra l'altro, in [G. Fabbroni], Lettera sugli effetti del libero commercio delle materie sode o gregge, alla quale è premessa altra lettera di un possessor del Valdarno sull'istesso argomento, Firenze, G.
Pagina 51 - In fine è certo cLe fra gli uomini non ha prezzo altro che il piacere , uè si comprano se non le comodità : e siccome uno non può sentir piacere senza incomodo e molestia altrui , non si paga altro che il danno e la privazion del piacere ad altri arrecata. Il tenere alcuno nel batticuore è dolore : dunque conviene pagarlo. Ciò che si chiama frutto del danaro quando è legittimo , non è altro che il prezzo del batticuore; a chi lo crede cosa diversa s'inganna. Se ora co...
Pagina 51 - ... e molestia altrui, non si paga altro che il danno e la privazion del piacere ad altri arrecata. Il tenere alcuno nel batticuore è dolore: dunque conviene pagarlo. Ciò, che si chiama «frutto del danaro », quando è legittimo, non è altro che il prezzo del batticuore; e chi lo crede cosa diversa, s'inganna. Se ora co...
Pagina 154 - Bengala, quante ce ne abbisognano, benché debbano ' questi generi traversare delle migliaja di miglia per arrivar fino alle nostre spiagge? Non abbiamo noi con abbondanza tutti quei generi, che soltanto servono per contentare il nostro instabile e sregolato capriccio ? E come mai ci potrà egli mancare un genere di prima necessità e di un sicuro smercio, se in vece di soffogare 1...

Bibliografische gegevens