Essere, apparire e interpretare: saggio sul pensiero di Duhem (1861-1916)

Voorkant
FrancoAngeli, 2005 - 286 pagina's
Pierre-Maurice Duhem, fisico teorico, filosofo e storico della scienza, critico del meccanicismo, pioniere degli studi sulla termodinamica, è stato indubbiamente una delle figure più rilevanti dell'epistemologia europea tra fine Ottocento e inizi del Novecento. Abitualmente considerata espressione del convenzionalismo e dello strumentalismo, per il fatto di aver messo in discussione i concetti fondanti e le fondamentali categorie interpretative della scienza moderna, l'epistemologia di Duhem, secondo la lettura che viene proposta in questo volume, sa piuttosto prendere le distanze dal nominalismo, dal relativismo, dallo scetticismo e non si contrappone alle esegesi che afferiscono al realismo scientifico.
 

Wat mensen zeggen - Een review schrijven

We hebben geen reviews gevonden op de gebruikelijke plaatsen.

Inhoudsopgave

Prefazione pag
11
Duhem storico della scienza
18
La filosofia della scienza di Duhem nella corrente convenzio
28
Nota biografica
39
La teoria fisica come classificazione
71
Duhem e Quine Gli dèi di Omero e le proposizioni sul mon
230
Note conclusive Essere apparire e interpretare Il realismo
246
Bibliografia
261
Indice dei nomi
281
Copyright

Veelvoorkomende woorden en zinsdelen

Bibliografische gegevens