Pagina-afbeeldingen
PDF
ePub

Il signor Teodoro Haupt ha esposto una collezione di minerali provenienti da lavorazioni antiche o recentemente abbandonate nelle provincie toscane ; ed inoltre pregevoli carte minerarie delle stesse provincie, nelle quali sono indicate le sue osservazioni sul giacimento e sulla natura dei filoni dei varii distretti minerari di dette provincie. Il lavoro, per quanto non finito, è della più alta importanza per l'in. dustria delle miniere. Perciò la Commissione conferisce la medaglia 1 6 bis. Al signor TEODORO HAUPT di Firenze, per la collezione e carte minerarie, in cui sono rappresentate le sue osservazioni sui giacimenti minerarii delle provincie toscane.

La Commissione prese pure ad esame alcune collezioni aventi un interesse scientifico ed industriale non giudicate precedentemente, e aggiudicò la medaglia ai signori :

. 11 bis. — RAGAZZONI GIUSEPPE di Brescia, per la sua collezione di minerali e roccie della provincia bresciana.

11 ter. — Al cavalier MAFFEI di Volterra, per la collezione di minerali e roccie di Monte Rufoli e luoghi vicini.

11 quater. Al signor FORESI RAFFAELE di Portoferraio, per la collezione di minerali cristallizzati, dell'isola dell'Elba.

13 bis. — Alla ACCADEMIA DI BELLE ARTI di Ferrara, per la bellezza della sua collezione importante sì per lo studio dei terrepi secondari dei monti di Carrara, quanto per i suoi rapporti con l'industria di marmi.

SEZIONE SECONDA.

INDUSTRIA MINERARIA E METALLURGICA.

Zolfo. Fra gli esponenti di zolfo sopraggiunti posteriormente al primo esame, e riconosciuti tutti commendevoli, perchè giovano a provare l'abbondanza di questa utilissima sostanza in varie parti d'Italia, è sembrata degna di speciale considerazione la Casa Albani di Urbino per la importanza della sua produzione, e lo sviluppo ch'essa dà a questa industria, nella quale vengono impiegati più di 200 operai.

Perciò la Commissione ha deliberato doversi accordare la medaglia

29 bis. — Alla Casa ALBANI d'Urbino, ... ; per la importanza della sua produzione,

Ferro.

Alcuni nuovi saggi di ferro e di acciaio sono stati pure esaminati, cioè quelli esibiti dalla Ditta Pattini e Comp. di Stia, alcuni scarpelli di acciaio fabbricati dal signor Tonti di Firenze, ed i prodotti della fonderia dei signori P. Benini e Comp. egualmente di Firenze.

La Commissione stimò degni di speciale distinzione solo questi ul. timi, e perciò accordò la medaglia ai siguori

45 bis. PIETRO BENINI e Comp. di Firenze, per la bellezza straordinaria dei getti e la ricca esposizione.

Rame.

Due nuovi espositori si sono presentati ad aumentare il numero di coloro che hanno esibito saggi di minerali di rame, ed a convalidare quanto nell'antecedente relazione venne detto intorno alla abbondanza colla quale gli affioramenti di questi minerali sono disseminati in Italia ed all'attenzione della quale tali fatti sono meritevoli, sia per parte degli uomini di scieuza, come per parte degli Industriali. Ambedue i nuovi espositori non istando però a rappresentare nè miniere coltivate, nè grandi esplorazioni condotte con metodo, la Commissione non ha creduto accordar loro alcuna distinzione particolare.

Il signor G. A. Manzoni ha esposto una raccolta metallurgica della miniera della valle Imperina di Agordo, della quale avemmo occasione di dare un cenuo parlando della produzione del rame in Italia, e delle più importanti miniere che vi sono coltivate.

Le miniere di Agordo sono certamente fra queste, non potendosi pertanto premiare il Governo austriaco, disgraziatamente ancora in pos. sesso di esse, la Commissione deliberò di concedere la medaglia

60 bis. —- Al signor G. A. MANZONI, per aver rappresentato le ininiere di Agordo nella Esposizione italiana, e per l'interessante raccolta di minerali metallici e combustibili delle provincie Venete da esso esibite.

' Ligniti e Torbe. La necessità in cui si trova l'Italia di aumentare la sua produzione di combustibile rende singolarmente benemeriti tutti coloro i quali con intelligenza si occupano della ricerca e della coltivazione dei giacimenti di combustibili fossili.

Parecchi nuovi espositori di queste sostanze rappresentano altrettante località ove gli affioramenti degli strati indicano l'esistenza di Il signor Teodoro Haupt ha esposto una collezione di minerali provenienti da lavorazioni antiche o recentemente abbandonate nelle provincie toscane ; ed inoltre pregevoli carte minerarie delle stesse provincie, nelle quali sono indicate le sue osservazioni sul giacimento e sulla natura dei filoni dei varii distretti minerari di dette provincie. Il lavoro, per quanto non finito, è della più alta importanza per l'in. dustria delle miniere. Perciò la Commissione conferisce la medaglia

6 bis. Al signor TEODORO HAUPT di Firenze, per la collezione e carte minerarie, in cui sono rappresentate le sue osservazioni sui giacimenti minerarii delle provincie toscane.

La Commissione prese pure ad esame alcune collezioni aventi un interesse scientifico ed industriale non giudicate precedentemente, e aggiudicò la medaglia ai signori :

. 11 bis. — RAGAZZONI GIUSEPPE di Brescia, per la sua collezione di minerali e roccie della provincia bresciana.

11 ter. — Al cavalier MAFFEI di Volterra, per la collezione di minerali e roccie di Monte Rufoli e luoghi vicini.

11 quater. — Al signor FORESI RAFFAELE di Portoferraio, per la collezione di minerali cristallizzati, dell'isola dell' Elba.

13 bis. - Alla ACCADEMIA DI BELLE ARTI di Ferrara, per la bellezza della sua collezione importante sì per lo studio dei terreni secondari dei monti di Carrara, quanto per i suoi rapporti con l'industria di marmi.

SEZIONE SECONDA.

INDUSTRIA MINERARIA E METALLURGICA.

Zolfo. Fra gli esponenti di zolfo sopraggiunti posteriormente al primo esame, e riconosciuti tutti commendevoli, perchè giovano a provare l'abbondanza di questa utilissima sostanza in varie parti d'Italia, è sembrata degna di speciale considerazione la Casa Albani di Urbino per la importanza della sua produzione, e lo sviluppo ch'essa dà a questa industria, nella quale vengono impiegati più di 200 operai.

Perciò la Commissione ha deliberato doversi accordare la médaglia

29 bis. — Alla Casa ALBANI d'Urbino, .. per la importanza della sua produzione,

Alcuni nuovi saggi di ferro e di acciaio sono stati pure esaminati, cioè quelli esibiti dalla Ditta Pattini e Comp. di Stia, alcuni scarpelli di acciaio fabbricati dal signor Tonti di Firenze, ed i prodotti della fonderia dei signori P. Benini e Comp. egualmente di Firenze.

La Commissione. stimò degni di speciale distinzione solo questi ul- . timi, e perciò accordò la medaglia ai signori

45 bis. PIETRO BENINI e Comp. di Firenze, per la bellezza straordinaria dei getti e la ricca esposizione.

Rame.

Due nuovi espositori si sono presentati ad aumentare il numero di coloro che hanno esibito saggi di minerali di rame, ed a convalidare quanto nell' antecedente relazione venne detto intorno alla abbondanza colla quale gli affioramenti di questi minerali sono disseminati in Italia ed all'attenzione della quale tali fatti sono meritevoli, sia per parte degli uomini di scievza, come per parte degli Industriali. Ambedue i nuovi espositori non istando però a rappresentare nè miniere coltivate, nè grandi esplorazioni condotte con metodo, la Commissione non ha creduto accordar loro alcuna distinzione particolare..

Il signor G. A. Manzoni ha esposto una raccolta metallurgica della miniera della valle Imperina di Agordo, della quale avemmo occasione di dare un cenno parlando della produzione del rame in Italia, e delle più importanti miniere che vi sono coltivate.

Le miniere di Agordo sono certamente fra queste, non potendosi pertanto premiare il Governo austriaco, disgraziatamente ancora in pos. sesso di esse, la Commissione deliberò di concedere la medaglia

60 bis. — Al signor G. A. MANZONI, per aver rappresentato le ininiere di Agordo nella Esposizione italiana, e per l'interessante raccolta di minerali metallici e combustibili delle provincie Venete da esso esibite.

Ligniti e Torbe. La necessità in cui si trova l'Italia di aumentare la sua produzione di combustibile rende singolarmente benemeriti tutti coloro i quali con intelligenza si occupano della ricerca e della coltivazione dei giacimenti di combustibili fossili.

Parecchi nuovi espositori di queste sostanze rappresentano altrettante località oye gli affioramenti degli strati indicano l'esistenza di

giacimenti, i quali, è sperabile, saranno in avvenire sorgente di ricchezza per il paese e per cbi ne intraprenderà con discernimento la coltivazione.

La massima parte dei nuovi espositori rappresentando solo ricerche superficiali, mentre la Commissione non può che incoraggiarli a proseguire e lodare la loro buona volontà, essa non ha d'altronde creduto dover accordare la distinzione della medaglia che

71 bis. — Al signor professore MORO di Arona, per la importanza della coltivazione da esso attivata delle torbiere del Novarese : per i lodevoli sistemi introdotti nella preparazione della torba; e, per quanto spetti ad un ordine di ricerche diverso da quelle delle quali ci occupiamo, per le interessantissime ricerche che egli ha fatte nelle torbiere medesime sugli avanzi dell'industria umana dei periodi più remoti.

Terre a colori, Terre refrattarie, Pietre litografiche, Fozzolane.

La nostra Commissione ba dovuto esaminare varie terre a colori esposte da diversi ; non constando pertanto ad essa che alcuno dei nuovi espositori eserciti realmente una industria di qualche importanza con queste materie, e non avendo osservato alcun che di singolarmente rimarchevole nei prodotti, non ha creduto accordare alcuna distinzione per essi.

Cosi, per ciò che riguarda le terre refrattarie; mentre non poche fra quelle che vennero presentate posseggono qualità abbastanza pregevoli e tali da renderne utile l'applicazione in alcune industrie, la Commissione ha dovuto convincersi, per gli esperimenti fatti, che niuna riuniva tutte le qualità che si richiedono dalle vere terre refrattarie. I mattoni e crogioli fatti colla terra di Iano fecero soli buona prova. Ma neppur questi stanno per ora a rappresentare una industria regolarmente stabilita, e perciò non si è accordata la medaglia ad alcuno per questa specie di prodotto. · Le pietre litografiche esposte non sono sembrate abbastanza omogenee nella loro struttura e composizione, e tali da potersi adoperare nei lavori più fini; possono pertanto avere qualche valore pei lavori che non richiedono la maggior finitezza, ma la Commissione non ba creduto per questo poter accordar loro la medaglia.

La pozzolana ha perduto un poco della sua importanza dacchè si sono scoperte e si è generalizzato l'uso delle calci idrauliche. I campioni presentati sono stati giudicati inferiori alla pozzolana di Roma, e per quanto esse vengano comunemente adoperate in Toscana ed altrove nelle costruzioni idrauliche con discreta riuscita, la Commissione non ha creduto poter loro accordare alcuna distinzione particolare.

« VorigeDoorgaan »