Pagina-afbeeldingen
PDF
ePub

12. — CONTESSINI dottor FELICE di Livorno. Serie dei Sali di Chinina – Cinconina — Stricnina – Morfina e Sali Santonina – Mannite ec.

Distinzione della Medaglia per la importante fabbrica di questa serie di preparati molto lodevoli per la forma e per la purezza.

13. — CORRIDI GUSTAVO di Livorno. Prodotti varj clinici; – Santonina – Mannite — Alcool d'orzo e gran. turco – Olio di Ricino ec.

Distinzione per la sua grandiosa fabbrica d'Olio di Ricino, estratto con presse idrauliche ; – e per le sue cospicue distillerie d'Alcool dai Cereali – prodotti ritrovati eccellenti.

14. – CIUTI NICCOLA e figlio di Firenze. Preparati chimici per la Fotografia.

Il Giurì ha reputato meritevole della distinzione della Medaglia i nominati Espositori per la numerosa serie dei prodotti puri esibiti, applicabili ad uso dei gabinetti chimici e fotografici. . 15. — CURLETTI FRANCESCO TREVIGLIO di Bergamo, per la sua industriosa fabbricazione del Nitro artificiale mediante il Nitro d'America; e pel suo Carbonato di Soda, opportunamente ottenuto da esso nella preparazione suddetta.

16. — ORSINI ORSINO di Livorno, fabbricante di Nitro e polvere pirica.

Il Giuri non ha potuto prendere in considerazione, benchè molto lo meritasse, la polvere pirica, essendo questo prodotto come altri congeneri escluso dalla Esposizione. Reputò peraltro meritevole della distinzione della Medaglia il nominato signor Orsini, in virtù della sua importante fabbrica di Nitro, a doppio effetto, cioè di raffinería, e di produzione indiretta mediante il Nitro di America.

Biacche.
17. – LEONI ANTONIO di Livorno.
18. — BRUSCO fratelli, MARAZZI di Genova.

19. — VENZANO STEFANO di Genova. Meritevoli di distinzione per la estesa ed accreditata loro fabbricazione di Biacca, ritrovata di perfetta qualità, tanto allo esame chimico, come alle prove dell'arte nelle sue varie applicazioni della mesticatura.

Potasse. 20. — Marchese BERTONE DI SAMBUY di Cuneo, per la notabile produzione di Potassa commerciale, e per l'utile uso che fa del cineraccio come sussidio alle concimazioni.

21. -- GIANNINI di Grosseto,
22. — DE VITA NICCOLA-GIFFONI di Salerno,

23. — MARINI CIPRIANO d'Arezzo, per le loro grandiose. fabbricazioni di Potasse commerciali, che allo esame risultarono bastantemente pure, e graduate per gli usi.

Cremore.

24. – MIRALTA fratelli di Torino, per la loro cospicua fabbrica d'Acido tartarico e di Cremore di Tartaro, ritrovati puri di bella apparenza e di eccellente cristallizzazione. L'Acido tartarico fa merito, specialmente per esser i signori Miralta i primi, a quanto pare, che ne abbiano istituita la fabbricazione in Italia.

La importanza della produzione in Cremore, e la riconosciuta bontà del prodotto già accreditato in commercio, ha dato titolo per la distinzione della Medaglia, altresì ai signori

25. – BOTTONI CARLO di Ferrara.
26. – MASSEI CAMMILLO di Giulianuova di Teramo.

- PARODI PIETRO di Savona.
28. — CONTI ONORATO di Grottazzolino di Fermo.

Soda. 29. -- BURGARELLO AGOSTINO di Trapani. Soda, dalla Salsola sativa etc. -- Premio per la grandiosa fabbricazione di questa Soda, detta naturale, ottenuta dalla cenere della pianta sunnominata. Questo prodotto, benchè assai impuro, ha molta importanza nell'Isola, ove se ne fabbricano ingenti quantità per la esportazione destinata alle fabbriche del Sapone e del Vetro.

Il Consiglio dei Giurati esprime il voto che, anco in Italia si stabiliscano fabbriche di Soda artificiale, mediante il Sale marino ; ma frattanto dove riconoscere la importanza di questa produzione, come quella che in parte supplisce alle occorrenze delle industrie sovraccennate, e previene la importazione della Soda di Spagna, d'Egitto, ecc.

[ocr errors][merged small]

30. — D'ALİ GIUSEPPE e GIO. MARIA di Trapani,

31. — DOL commendatore, di Comacchio, Espositori di Sale raffinato. — Il Consiglio dei Giurati proponendo il conferimento della medaglia ai prenominati signori D'Alì e Dol, ha inteso di prendere in speciale considerazione il prodotto di una industria fondata con capitali di particolari fabbricanti, e condotta per opera loro, secondo i precetti della scienza e dell'arte, ai termini di grande ed economica produzione. .

I fabbricanti di Sale a mitissimo prezzo in Sicilia, sono parecchi, ma per le notizie raccolte, la più importante salina dell'Isola è questa citata dai signori d'Alì di Trapani, ed è per questo titolo appunto che viene proposta la distinzione della medaglia.

Colori. – Arto tintoria.

32. — VONNWILLER DAVID e C. di Napoli di Revigliano. Distinto per la grandiosissima sua lavorazione della Robbia, e per la buona Garanzina che egli fabbrica ; unico espositore.

Il nominato signor Vonnwiller la dichiarato come meritevole di premio, il signor Giulio Frølich Direttore scientifico e gerente della sua importante fabbrica di Garanzina. Il Giurì fa eco a questa proposta, cogliendo la opportunità per remunerare eziandio quelli che con la perizia tutta personale, fanno prosperare l'applicazione industriosa degli altrui capitali.

33. — GUERRI e MAGHERINI di Firenze. Per la serie delle molte lacche per uso della pittura. — Il Giurì propone la distinzione della medaglia ai nominati espositori a titolo di incoraggiamento, avendo constatato anco per testimonianza di pratici competenti la superiorità di questi loro prodotti, a paragone di quelli che ci fornisce in generale il commercio estero. La industria è nuova, e pei suoi resultati meritò dal Consiglio, questo voto unanime di distinzione.

34. – BALDINI Gio. BATTISTA di Livorno. . Pel suo Verde detto Italiano di varia gradazione, ad imitazione e sostituzione di quello Inglese, del quale la importazione in Toscana era molto grande, prima di questo fabbricato commercialmente dal nominato signor Baldini.

Il Giurì fa voti perchè gli altri espositori di materie colorate, e coloranti, possano dare alle loro fabbriche incipienti uno sviluppo che possa dirsi maggiormente industriale.

35. — SELLA Cav. GREGORIO di Torino. Manuale della Pratica per tingere la lana ; opera a stampa e saggi di tessuti tinti.

Il Giurì con voto unanime propone la medaglia di distinzione pel nominato signor Cav. Gregorio Sella, come quegli che con esempio lodevolissimo e pur troppo raro, ha reso di pubblica proprietà i particolari resultati della sua pratica di 25 anni nell'arte tintoria, nella quale è

peritissimo, come può vedersi ancora dalla serie dei panni in pezza delle sue fabbriche che figurano con onore alla Esposizione Italiana.

36. — ARNAUDON JI. T. professore di Torino.

Il Giurì ha accolto con lieto animo la opportunità che gli viene offerta dal prenominato signor Arnaudon, con la sua interessante collezione di materie prime del regno vegetabile esotiche e nostrali, buone alla concia delle pelli, ed all' arte tintoria, non meno che alla preparazione dei tessuti, orde distinguerlo con medaglia, riguardandolo come benemerito di questa sorta di studi nei quali diè saggio di una molto utile operosità con Memorie a stampa, specialmente per quello che attiene alle materie coloranti ; lodevole tanto più, in quanto meno, egli ha voluto prevalersi in proprio personale vantaggio de' suoi ritrovati, che pubblica a beneficio delle applicazioni industriali di quella scienza che egli professa.

37. — NICCOLINI marchese LUIGI di Firenze. Legni colorati a tutta sostanza. – Degno della distinzione per la estesa serie dei suoi legni coloriti con chimici procedimenti ad uso della arsia. La bellezza della tavolozza che può aversi da questa sua serie li lamine di legno, è dimostrata dal piano ad ornati d'intarsio che fiJura in suo nome alla Esposizione.

Vernici e Tele per pittori.

38. — CHIARELLI FRANCESCO di Napoli, per le sue tele da pittori, pieghevoli senza guasto della preparazione ec.

39. — AGLIETTI JACOPO di Firenze, Amilmente da distinguersi con medaglia per la buona qualità delle sue Jele mesticate ad uso della pittura a olio e a pastelli, dei quali ha pure esibito una bella serie.

40. — AMANTINI ANDREA di Urbino, meritevole della distinzione per la sua vernice da ferro, aderente, dura, Je resistente agli agenti atmosferici, non che ad una temperatura di circa, 200 gradi.

Saponi.

Il Giurì si è pronunziato pel confermamento della Medaglia di distinzione ai seguenti Espositori, cioè : 41. — CONTI ENRICO di Livorno.

- FURLANI GIOVANNI di Firenze.
43. — DE BERNOCHI FRANCESCO di Torino.
44. — PIETRONI ('ARLO di Iesi 'Ancona.

inteso di prendere in speciale considerazione il prodotto di una industria fondata con capitali di particolari fabbricanti, e condotta per opera loro, secondo i precetti della scienza e dell' arte, ai termini di grande ed economica produzione.

I fabbricanti di Sale a mitissimo prezzo in Sicilia, sono parecchi," ma per le notizie raccolte, la più importante salina dell'Isola è questa citata dai signori d'Alì di Trapani, ed è per questo titolo appunto che viene proposta la distinzione della medaglia.

Colori. – Arte tintoria.

32.- VONNWILLER DAVID e C. di Napoli di Revigliano. Distinto per la grandiosissima sua lavorazione della Robbia, e per la buona Garanzina che egli fabbrica ; unico espositore.

Il nominato signor Vonnwiller la dichiarato come meritevole di premio, il signor Giulio Froelich Direttore scientifico e gerente della sua importante fabbrica di Garanzina. Il Giurì fa eco a questa proposta, cogliendo la opportunità per remunerare eziandio quelli che con la perizia tutta personale, fanno prosperare l'applicazione industriosa degli altrui capitali.

33. — GUERRI 2 MAGHERINI di Firenze. Per la serie delle molte lacche per uso della pittura. — Il Giurì propone la distinzione della medaglia ai nominati espositori a titolo di incoraggiamento, avendo constatato anco per testimonianza di pratici competenti la superiorità di questi loro prodotti, a paragone di quelli che ci fornisce in generale il commercio estero. La industria è nuova, e pei suoi resultati meritò dal Consiglio, questo voto unanime di distinzione.

34. – BALDINI GIO. BATTISTA di Livorno. Pel suo Verde detto Italiano di varia gradazione, ad imitazione e sostituzione di quello Inglese, del quale la importazione in Toscana era molto grande, prima di questo fabbricato commercialmente dal nominato signor Baldini.

Il Giurì fa voti perchè gli altri espositori di materie colorate, e coloranti, possano dare alle loro fabbriche incipienti uno sviluppo che possa dirsi maggiormente industriale.

35. — SELLA Cav. GREGORIO di Torino. Manuale della Pratica per tingere la lana ; opera a stampa e saggi di tessuti tinti.

Il Giurì con voto unanime propone la medaglia di distinzione pel nominato signor Cav. Gregorio Sella, come quegli che con esempio lodevolissimo e pur troppo raro, ha reso di pubblica proprietà i particolari resultati della sua pratica di 25 anni nell'arte tintoria, nella quale è

« VorigeDoorgaan »